Seducente, ironico e colto Renato Laffranchi, che a ottant’anni passati si muove con agilità e finezza in una trama intensa di considerazioni sull’arte e sulla vita, raccontando di sé gli esordi, la permanenza nell’amata Rio de Janeiro e la forza della sua fede cattolica.

Direction: Enrico Ranzanici

Interview: Alessandro Mombelli

DOP: Alberto Petrò

Music: Stefano Sacchi